Area Anno A (Fano)

Corpo e Sangue di Cristo

Questa immagine fa parte della raccolta Disegni di Fano per fare catechesi e religione in casa

Clicca per vedere l'immagine a grandezza intera  (2483 × 3169 pixel, dimensione del file: 830 KB)

Alcune chiavi di lettura dell'immagine

La comunione è incorporarmi a te, Signore, per servirti nei poveri.

La comunione è rendersi conto che il tuo Corpo, Signore, ci è stato dato, regalato per puro e generoso Amore.

La comunione è scoprire il tuo Corpo, Signore, nei poveri: nell’affamato, nell’assetato, nell’ignudo.

La comunione è scoprire che l'Eucaristia è il tuo corpo, Signore.

La comunione è entrare, Signore, nel mistero del tuo Corpo incarnato.

La comunione è sentire, Signore, che la Chiesa è il tuo Corpo mistico, il tuo Corpo appassionato e comunitario.
La comunione, Signore, è di unirci al tuo Corpo Crocifisso.
La comunione, Signore, è il mistero del tuo Amore.

La comunione è, Signore, di sentire di nuovo le tue parole: "Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue dimora in me e io in lui".
La comunione è, Signore, ...

traduzione dal blog di Kamiano

Temi: eucarestia, #CateReliFano, poveri, evangelizzazione, calice, pane, chiesa, comunità

Visualizza Gv 6,51-58

51Io sono il pane vivo, disceso dal cielo. Se uno mangia di questo pane vivrà in eterno e il pane che io darò è la mia carne per la vita del mondo».

52Allora i Giudei si misero a discutere aspramente fra loro: «Come può costui darci la sua carne da mangiare?». 53Gesù disse loro: «In verità, in verità io vi dico: se non mangiate la carne del Figlio dell’uomo e non bevete il suo sangue, non avete in voi la vita. 54Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue ha la vita eterna e io lo risusciterò nell’ultimo giorno. 55Perché la mia carne è vero cibo e il mio sangue vera bevanda. 56Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue rimane in me e io in lui. 57Come il Padre, che ha la vita, ha mandato me e io vivo per il Padre, così anche colui che mangia me vivrà per me. 58Questo è il pane disceso dal cielo; non è come quello che mangiarono i padri e morirono. Chi mangia questo pane vivrà in eterno».

Autore: Patxi Velasco Fano  (home page 1 - home page 2)

Visualizza tutte le 51 immagini relative a Gv 6,51-58